Valutazione rischio cancerogeno – Registro esposti

(D.Lgs. 81/08, Titolo IX, Capo II)

CHIEDI DI ESSERE RICONTATTATO GRATUITAMENTE

    L’art. 236 del D.Lgs 81/08 stabilisce che il datore di lavoro ha l’obbligo di valutare l’esposizione ad agenti cancerogeni e mutageni tenendo conto, in particolar modo, delle lavorazioni, della loro durata, della frequenza, dei quantitativi di agenti cancerogeni o mutageni prodotti o utilizzati, della loro concentrazione, della capacità degli stessi di penetrare nell’organismo per le diverse vie di assorbimento. Il datore di lavoro dovrà inoltre indicare il numero di lavoratori esposti o potenzialmente esposti ad agenti cancerogeni e mutageni adottando di conseguenza eventuali misure preventive e protettive.Nel caso in cui l’esposizione non sia eliminabile, il datore di lavoro dovrà applicare quanto stabilito dal Capo II, tra cui si segnala l’obbligo di compilare e trasmettere all’organo di vigilanza il Registro degli Esposti a cancerogeni, con l’aiuto del Medico Competente.

    La valutazione andrà aggiornata ogni tre anni o in caso di modifiche sostanziali delle condizioni di lavoro.