Sicurezza D.Lgs 81/08

GESTIONE DELLA PRIVACY

Protezione dei Dati (GDPR)

shutterstock_83711539

CHIEDI DI ESSERE RICONTATTATO GRATUITAMENTE

Per rispettare gli obblighi normativi ed evitare le pesanti sanzioni amministrative e penali, chi tratta dati personali riferiti a clienti, fornitori e dipendenti, deve dotarsi di un modello privacy a norma di legge.

“Noi adeguiamo alla normativa la tua azienda in pochi semplici passi in base alle tue esigenze ed alle progettualità.”

LA NOSTRA OFFERTA

IL DECRETO

Il Decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 101 – emanato in attuazione dell’articolo 13 della Legge di delegazione europea 2016-2017 (Legge 25 ottobre 2017, 163) – è volto ad armonizzare il Codice della Privacy alla normativa europea, che è divenuta pienamente operativa a partire dal 25 maggio scorso.

IL CODICE DELLA PRIVACY

Il Codice della Privacy non viene completamente abrogato ma rimane in vigore, con le modifiche volte ad armonizzarlo ai principi fissati nel Regolamento Generale sulla protezione dei dati, primo fra tutti a quello di accountability.

I PROVVEDIMENTI

Il provvedimento prevede che il Garante della privacy definisca modalità semplificate di adempimento degli obblighi del titolare del trattamento per quanto riguarda le micro, piccole e medie imprese.

I provvedimenti del Garante della privacy continuano ad applicarsi, in quanto compatibili con il GDPR e con lo stesso decreto.

GDPR

Il GDPR è il nuovo regolamento approvato dal parlamento dell’Unione europea (UE) per rafforzare la protezione dei dati per tutti gli individui all’interno dell’UE. Il Regolamento tutela il diritto fondamentale alla privacy e alla protezione dei dati personali dei cittadini. Introduce requisiti rigorosi che definiscono e armonizzano i nuovi standard in materia di compliance, sicurezza e protezione dei dati.

IL REGIME DI PROTEZIONE DEI DATI

Il regime di protezione dei dati proposto per l’UE estende gli obiettivi della legge europea sulla protezione dei dati a tutte le imprese estere che trattano dati di residenti europei a prescindere dal luogo nel quale le trattano e dalla loro sede legale. Permette di armonizzare le diverse normative sulla protezione dei dati in tutta l’UE, facilitando così l’osservanza delle norme da parte delle imprese non europee; tuttavia, questo è stato ottenuto a costo di un regime che prevede una severa disciplina di protezione dei dati, con rigide sanzioni che possono raggiungere il 4% del volume globale di affari.” A seguito di negoziazioni nel dialogo a tre tra Parlamento Europeo, Commissione europea e Consiglio dei Ministri, si è raggiunto un consenso generale sulla formulazione del GDPR e sulle sanzioni finanziarie per la mancata osservanza.